Cambierà la tua percezione di stile
Italiano Inglese Russo
Premio Codega: vincono il design e la progettazione della luce
share:
Like Like

Promosso da Assodel (Associazione Italiana Distretti Elettronica) in collaborazione con IDEA (International Distribution of Electronics Association), il Premio Codega è il riconoscimento internazionale dedicato ai professionisti della luce, alle soluzioni e alle realizzazioni di eccellenza basate su un uso intelligente e integrato della tecnologia LED in ambito Contract/Commercial (retail, hotel, locali, edifici pubblici, musei, chiese ecc. – in base alla classificazione del DOE americano.

Un riconoscimento in cui la luce, nella sua dimensione più innovativa e dinamica, è assoluta protagonista e in cui vengono valorizzati non soltanto gli aspetti di creatività e design, ma soprattutto la ricerca, l’adozione delle tecnologie più avanzate, i risultati di efficienza energetica e le soluzioni per il benessere degli individui.

Le categorie del Premio

Due le categorie di questa terza edizione:
1 - la prima si rivolge esclusivamente a lighting designer/illuminotecnici indipendenti e liberi professionisti e si propone di   “mettere in luce” le installazioni e le realizzazioni più interessanti e innovative dell’ultimo anno

2 - la seconda è dedicata invece alle soluzioni, ai sistemi e ai corpi illuminanti basati sulla tecnologia LED

La Giuria internazionale
Fanno parte della Giuria al premio, esperti del mondo dell’illuminazione e dell’elettronica:
• Massimo Malaguti - Direttore Univeneto
• Domenico Caserta - Presidente Assodel
• Paola Urbano – Lighting Designer, Co-fondatore e Consigliere di APIL
• Maurizio Rossi - Direttore del Master di Lighting Design & LED Technology del Politecnico di Milano
• Fabio Peron - Docente Università IUAV di Venezia
• Stefano Catucci - Direttore Master Lighting Design Università La Sapienza di Roma
• Francesco Iannone - Lighting designer
• Gary Kibblewhite - Past president IDEA
• Paul James - Editor di mondo*arc (*invitato)

Riconoscimento speciale
Oltre alle due categorie, sarà indetto un riconoscimento speciale – sottoforma di contest fotografico/video – al “miglior effetto luce” assegnato direttamente dalla community Facebook di LedLab per l’uso creativo e non convenzionale della luce e delle nuove tecnologie. I voti della giuria popolare saranno raccolti in base al numero di “mi piace” e di condivisioni effettuate sul social network. 

La cerimonia di premiazione
I vincitori del Codega Prize saranno annunciati a ILLUMINOTRONICA – la mostra-convegno italiana dedicata all’illuminazione a LED in programma a Padova () – il giorno 9 ottobre all’interno di un convegno dedicato alla professione del lighting designer, mentre la cerimonia di premiazione si svolgerà a Padova/Venezia, sempre venerdì 9 ottobre, durante la serata di Gala organizzata da Assodel.

Il progetto vincitore del 2014
A vincere il Premio Codega 2014 è stata l’opera a LED realizzata per la Chiesa Madre San Nicola Vescovo di Nociglia (LE), realizzata da Andrea Ingrosso. La giuria tecnica, composta da esperti nazionali ed esteri, personalità del mondo accademico e imprenditoriale, ha individuato nella ricerca di atmosfere suggestive e delle soluzioni illuminotecniche progettate su misura per la Chiesa di Nociglia la dimostrazione che, attraverso un’accurata progettazione illuminotecnica, la luce può diventare un elemento di comunicazione e di valorizzazione architettonica e può accompagnare le diverse esigenze di illuminazione richieste dal luogo.

“C’è estrema soddisfazione nel vedere che la comunità si appropria della propria opera – ha commentato Ingrosso durante la cerimonia di premiazione – Quando il progetto è vissuto vuol dire che viene conservato e valorizzato. In questo caso, la nuova illuminazione ha permesso una lettura diversa della chiesa”.

Il Progetto in dettaglio:
L'intervento riguarda il nuovo sistema di illuminazione degli interni della chiesa attuata impiegando nuovi apparecchi a LED progettati dallo studio Ingrosso integrando, con apparecchi di normale produzione, l'illuminazione della zona presbiteriale. L'obiettivo di salvaguardia imposto dalla Sovrintendenza senza intervenire sulle parti murarie, nonché il necessario adeguamento dei livelli di illuminamento sulle superfici orizzontali e verticali dell'aula sono stati raggiunti con l'impiego di apparecchi dotati di sistemi di riduzione dell'abbagliamento . La gestione di scenari luminosi attraverso una centralina DALI ha poi consentito di gestire, in modo estremamente intuitivo, l'impiego degli apparecchi per le differenti situazione di impiego. Inoltre, su richiesta della committenza è stato ottenuto un contenimento dei consumi energetici: all’esterno, attraverso la sostituzione degli apparecchi con ottica a fasci largo con ottiche concentranti ed ellittiche per le vetrate più grandi con un consumo complessivo di 1,4kW e all'interno con una potenza complessivamente installata di 0,98 kW.

La menzione speciale 2014

Tra le menzioni speciali, quella assegnata all’intervento presso il Nuovo Teatro all’Opera di Firenze, realizzato dai progettisti Enrico Moretti e Maria Cairoli.

“Prima il LED veniva guardato con sospetto, specialmente in ambito teatrale, mentre oggi che il teatro è stato inaugurato il LED è stato accettato e visto non soltanto come un semplice mezzo tecnologico ma come un nuovo potente strumento artistico”, ha dichiarato Maria Cairoli durante la premiazione.

Il Progetto in dettaglio:
L'intervento è il più ampio e completo fra quelli adottati nei teatri d'opera europei e, considerata la qualità dell’illuminazione ottenuta e la flessibilità cromatica associata ad apparecchi RPGW, traccia oggi una nuova strada all'applicazione di sistemi LED. Si tratta di un progetto di Illuminazione con apparecchiature LED da 150 W fino a 600 W (proiettori, sagomatori, ecc.), posizionati in area palco su bilance, torrette, ponte luci di boccascena, ballatoi torre scenica. Il sistema consente un risparmio fino a 350 kW sulle potenze impegnate sul palco, la durata dei proiettori LED utilizzati su tempi medi stimati di oltre 30.000 ore (ben superiori alle 1.000 ore medie stimate per proiettori tradizionali): ovvio il risparmio di mano d'opera, costi di manutenzione ed incremento di efficienza organizzativa.

INFO: [email protected]

         


Articolo di

https://topobzor.info

Acheter Levitra 20 mg

citroen cactus
Scroll to Top